Percorso Occidentale

1 Chiesa di Sant'Ambrogio (Coimo)

Giungendo all’assolata frazione di Coimo, o in auto attraverso la strada in salita che si diparte dalla statale, o a piedi, attraverso le mulattiere che la collegano a Druogno o alla stazione ferroviaria posta nel fondovalle, si incontra prima di giungere al centro abitato l’antica chiesa di Sant’Ambrogio, isolata rispetto al nucleo del paese e collegata alla strada principale da un ampio viale, che porta in mezzo ai prati.
L’edificio si presenta maestoso, costruito in pietra a vista, secondo i dettami dello stile romanico, che è stato in parte rispettato anche dai successivi interventi di ingrandimento.
La facciata, con tetto a capanna sormontato da pinnacoli, presenta al centro una finestra curvilinea, affiancata da due nicchie ed un portico a colonne binate, edificato nel 1777, utilizzando la locale pietra ollare. Analogamente anche le lesene binate e la cornice del portale sono in pietra ollare, quest’ultima contrassegnata dalla dedicazione a Sant’Ambrogio (Divo Ambrosio) e dalla data 1725, epoca dell’ultimo rifacimento.

 


All’interno della chiesa l’opera d’arte più antica si conserva nella cappella laterale (lato sud) della Beata Vergine Maria delle Grazie, che reca un affresco di fine '400 in cui la Vergine appare con il manto allargato a proteggere i fedeli e un gruppo di incappucciati probabilmente appartenenti alla confraternita dei Disciplinati. Dal lato opposto si trova la cappella di S. Carlo, la cui pala raffigura il Santo mentre comunica agli appestati.
All’ingresso si trova il fonte battesimale in pietra con ciborio in legno scolpito, racchiuso da una balaustra datata 1691.
All'incrocio della navata con il transetto si sviluppa un arioso catino absidale affrescato nel 1728 dal pittore craveggese Giuseppe Mattia Borgnis con il trionfo di S. Ambrogio. Sono inoltre da attribuire al Borgnis le tre tele poste rispettivamente sopra l’altare maggiore (S. Ambrogio) e sopra gli altari delle grandi cappelle laterali (S. Bartolomeo a destra, S. Ludovico a sinistra). Nel 1750 fu posto il magnifico altare maggiore in marmi policromi.

videoguida

 

 

Coimo

Come arrivare:
  • in automobile dalla strada che si diparte dalla statale della Valle Vigezzo

  • in autobus linea Druogno-Coimo

  • in treno ferrovia vigezzina fermata Coimo

  • a piedi collegamenti sentieristici con Druogno e con la stazione ferroviaria

  • in bicicletta percorso ciclabile Druogno-Coimo