Percorso Occidentale

13 Oratorio di San Rocco (Crana)

L’oratorio di San Rocco si imposta con orientamento perpendicolare alla chiesa di San Giovanni evangelista. Ad esso si può accedere dall’interno della chiesa di San Giovanni (porta lungo la parete settentrionale) oppure dall’ingresso indipendente, che si presenta con portico antistante sorretto da colonne e portoncino ligneo affiancato da due finestre devozionali con grata.

 


Il piccolo oratorio ha pianta rettangolare ed orientamento nord-sud.
Gli splendidi affreschi cinquecenteschi, opera di Battista da Legnano, coprono interamente le due pareti del corpo dell’edificio e narrano la vicenda terrena di San Rocco, suddivisa in dodici riquadri, forniti di cartiglio illustrativo. I sei quadri a sinistra, guardando verso l’altare, sono stati rimaneggiati nel 1894 da Luigi Morgari che ne ha in parte snaturato stile e colore e raffigurano alcuni episodi della vita giovanile del santo, dalla nascita, al dono dei suoi beni ai poveri, ai primi miracoli. I sei quadri di destra rappresentano invece la vita eremitica nel deserto, la cura degli ammalati di peste, la malattia e la prigionia del santo ed, infine, la morte.
Di minore pregio ed antichità sono la pala d’altare con la figura di S. Rocco e l’affresco del catino absidale con Trionfo di S. Rocco, opere di Antonio Menabene del 1761.

videoguida

 

 

Crana

Come arrivare:
  • in automobile statale della Valle Vigezzo, deviazione da Santa Maria Maggiore per Crana

  • in autobus linea Druogno-Santa Maria Maggiore-Valle Loana, direzione Toceno, fermata Crana

  • a piedi collegamenti sentieristici con Santa Maria Maggiore, Buttogno e Toceno

  • in bicicletta percorsi ciclabili delle frazioni di Santa Maria Maggiore e verso Toceno