Percorso Centrale

26 Oratorio di San Rocco (Colma di Craveggia)

Alla Colma di Craveggia si trova l’oratorio posto alla quota più elevata tra quelli della Valle Vigezzo. L’edificio montano si inserisce in un contesto ambientale di grande fascino, circondato da un corona di monti, disseminati di pascoli ed alpeggi un tempo intensamente frequentati, oggi per lo più divenuti silenziosi testimoni di memoria storica. L’oratorio assume l’aspetto della caratteristica architettura alpina, con coperture in piode e rustica muratura in pietre legate da calce, solo il piccolo campanile sul tetto ed il portico in facciata ne denunciano la destinazione sacra.

 


La piccola architettura dell’oratorio presenta un ampio portichetto antistante, funzionale ad accogliere e dare riparo agli alpigiani che venissero sorpresi in quota dal cattivo tempo.
L’interno, semplice, ad aula unica, culmina nell’altare, sul quale campeggia una pala, incorniciata da lesene e capitelli dipinti a tromp-l’oeil, raffigurante san Rocco inginocchiato ai piedi della Madonna del Carmine col Bambino.
Il dipinto che orna l’altare, come recita l’iscrizione, è opera del 1830 del pittore craveggese Giovanni Maria Piazza.
Altre tele con la Madonna del Rosario e san Michele ornano le pareti del piccolo oratorio (oggi gli originali sono ritirati nelle Parrocchiale e sono sostituiti da copie fotografiche).

videoguida

 

 

Colma di Craveggia

Come arrivare:
  • in automobile strada statale della Valle Vigezzo, deviazione per Craveggia

  • in autobus linea Druogno-Santa Maria Maggiore-Valle Loana, fermata Craveggia

  • a piedi collegamenti sentieristici con Toceno, Zornasco, Villette

  • in bicicletta percorso ciclabile Toceno-Craveggia