Percorso Centrale

26 Oratorio di San Rocco (Colma di Craveggia)

Alla Colma di Craveggia si trova l’oratorio posto alla quota più elevata tra quelli della Valle Vigezzo. L’edificio montano si inserisce in un contesto ambientale di grande fascino, circondato da un corona di monti, disseminati di pascoli ed alpeggi un tempo intensamente frequentati, oggi per lo più divenuti silenziosi testimoni di memoria storica. L’oratorio assume l’aspetto della caratteristica architettura alpina, con coperture in piode e rustica muratura in pietre legate da calce, solo il piccolo campanile sul tetto ed il portico in facciata ne denunciano la destinazione sacra.

 


Il nobile San Rocco (Montpellier, secolo XIV) è noto per aver donato i suoi beni ai poveri ed aver speso la sua vita in pellegrinaggio ed in aiuto dei malati di peste, morbo di cui pure egli si ammalò ed, abbandonato da tutti, fu soccorso da un cane che si occupò di lui portandogli tutti i giorni da mangiare del pane fino alla guarigione. Viene raffigurato vestito da pellegrino, con il tipico bastone, la conchiglia e le chiavi incrociate con il bubbone della peste su una coscia e il cagnolino al fianco. Si festeggia il 16 agosto, quando all’oratorio della Colma viene celebrata la messa seguita da una festa montanara.
Oltre che a S. Rocco l’oratorio è dedicato alla Madonna del Carmine, ovvero la figura della Vergine secondo l’immagine di una apparizione che ebbe il profeta Elia (IX secolo a.C.) dimorando sul monte Carmelo. Nel XII secolo alcuni pellegrini giunti su quel monte vi edificarono una cappella alla Vergine e fondarono l’ordine religioso dei carmelitani. Elemento identificativo della Madonna del Carmine, raffigurata con il Bambino in braccio emergente da una nuvola, sono gli scapolari, le caratteristiche strisce di tessuto indossate come simbolo di salvezza dall’inferno e segno di affidamento alla Vergine dai monaci carmelitani.

videoguida

 

 

Colma di Craveggia

Come arrivare:
  • in automobile strada statale della Valle Vigezzo, deviazione per Craveggia

  • in autobus linea Druogno-Santa Maria Maggiore-Valle Loana, fermata Craveggia

  • a piedi collegamenti sentieristici con Toceno, Zornasco, Villette

  • in bicicletta percorso ciclabile Toceno-Craveggia