Percorso Occidentale

8 Oratorio di San Carlo Borromeo (Orcesco)

Addentrandosi nel cuore della piccola frazione di Orcesco, sul declivio montano che la ospita nella sua parte più elevata si incontra l’oratorio di San Carlo dalla curiosa architettura asimmetrica, che rivela interventi di ampliamento che si sono susseguiti nei secoli. Il visitatore si trova dapprima di fronte all’ingresso laterale, posto lungo la parete settentrionale dell’edificio, forse un tempo ingresso principale, proseguendo si giunge davanti alla facciata vera e propria. Anch’essa ha un disegno particolare: il modellato curvo della linea del tetto reca al centro un alto campaniletto a vela con un’unica campanella, mentre la facciata stessa è scandita da una finestrella cruciforme ed un’ampia finestra rettangolare con timpano a tutto sesto. La porta centrale è affiancata da due finestre devozionali.

 


Il coro a forma semiesagonale è coperto da un catino a piccole vele. Segue un corpo rettangolare più ristretto e più basso coperto da una volta a crociera e finalmente un altro corpo simile al precedente, ma più alto.
La testimonianza artistica più antica, sebbene ritoccata ai primi del Novecento, è l’affresco sulla parete laterale che raffigura il dedicante Antonio Adorno inginocchiato di fronte alla Vergine, insieme ai SS. Antonio, Giovanni e Carlo. Nella volta sopra l’affresco c’è lo stemma adottato dagli Adorno in Valle Vigezzo, mentre sotto la cornice è posta una lunga iscrizione che ricorda il dedicante, la costruzione dell’oratorio nel 1620 e la celebrazione della prima messa nel 1621.
Al Seicento risalgono alcuni grandi quadri ad olio rappresentanti lo Sposalizio della Vergine, Sant’Antonio da Padova e la Madonna di Loreto.
Nel coro attualmente ci sono quattro nicchie con altrettante statue: la Beata Vergine Maria, Santa Rita e due di San Giovanni Bosco.
Il semplice decoro geometrico della volta è opera dei primi del Novecento dovuta al pittore intrese Achille Vagliani.

videoguida

 

 

Orcesco

Come arrivare:
  • in automobile statale della Valle Vigezzo

  • in autobus linea Druogno-Coimo

  • in treno ferrovia vigezzina fermata Gagnone-Orcesco

  • a piedi collegamenti sentieristici con Druogno e Coimo

  • in bicicletta percorso ciclabile Orcesco e Gagnone